Rustico con patate speck e taleggio – torta salata

Il rustico con patate speck e taleggio è una chicca nei miei antipasti, i miei amici Barbara e Alessandro ieri a cena lo hanno rinominato ‘rustico one day’ poi modificato in ‘rustico one hour’ perchè è un rustico che finisce in un batter d’occhio. L’accostamento di questi sapori è davvero delizioso al palato e i semi di papavero in superficie lo rendono speciale.

Quanto è comodo tenere in frigo un rotolo di pasta sfoglia pronta! Ci salva spesso nelle cene all’ultimo momento, ma si possono realizzare anche degli antipastini carini per dei buffet. Certo, se imparassimo a farla in casa sarebbe molto più leggera e salutare, ma sto lavorando anche su quello. Non appena divento più brava vi mostro come si fa la pasta sfoglia per preparare degli ottimi rustici.

Intanto vi scrivo la ricetta di questo rustico, sicuramente un po’ calorico, ma alla fine non sarà una fettina di rustico con patate speck e taleggio a mandarci all’inferno.

Per renderlo più delicato come sapore potreste sostituire metà taleggio con della scamorza.

 

rustico con patate

Ingredienti:

2 rotoli di pasta sfoglia

2 patate medie

80 gr di taleggio

50 gr di speck a cubetti

semi di papavero

latte per spennellare

Lavare e lessare le due patate. Farle raffreddare e pelarle, tagliarle a cubetti.

Aprire un rotolo di pasta sfoglia su una teglia lasciandolo sulla sua carta da forno, disporre sulla base le patate tagliate a cubetti senza sovrapporle. Tagliare a cubetti il taleggio e aggiungerlo alla patate, completare con i cubetti di speck.

Coprire con l’altro disco di pasta sfoglia e sigillare bene i bordi.

Spennellare la superficie con un po’ di latte e cospargere con i semi di papavero.

Infornare a 200° per 20 minuti circa, fino a doratura uniforme della superficie.

Lasciare intiepidire e servire il rustico con patate speck e taleggio, ma è ottimo anche freddo.

Se ti piace questa ricetta lascia un like e se hai dei consigli da darmi o delle richieste da farmi lascia un commento, grazie

 

Lascia un commento