Latte di mandorla

Da quando la mia intolleranza al lattosio si è riacutizzata sto cercando espedienti e soluzioni per non rinunciare alle cose che mi piacciono. Il latte di mandorla è un’ottima alternativa al latte vaccino, è un latte vegetale molto buono, oltre ad essere ricco di vitamine e calcio. Io lo bevo bianco in tazza, oppure con il caffè, lo aggiungo ai frullati di frutta e lo utilizzo anche nei dolci.
Il latte di mandorla che si compra al supermercato lo trovo molto dolce per i miei gusti, e tra l’altro non costa poco. Ora vi mostro come si prepara in casa risparmiando, in poco tempo e con pochi ingredienti.
latte di mandorla

Ingredienti per 1 lt

200 gr di mandorle pelate

1.1 lt di acqua

20/30 gr di zucchero di canna (o il dolcificante che preferite)

Disporre in una ciotola le mandorle con 200 ml circa di acqua e lasciarle ammorbidire un’ora circa.
Versare il contenuto della ciotola (mandorle e liquido) con lo zucchero nel Bimby oppure in un frullatore. Azionare il turbo ad intermittenza. (Frullare interrompendo ogni tanto per chi usa un comune frullatore) Frullare fino a tritarle finemente.

Disporre su una ciotola capiente un colino e rivestirlo con un canovaccio di lino (pulito e possibilmente bollito in acqua precedentemente per eliminare residui di detersivo). Filtrare le mandorle aggiungendo il resto dell’acqua. Aiutarsi strizzando il canovaccio per ricavare tutto il latte dalla polpa.

Con un imbuto trasferire il latte in una bottiglia di vetro. Il latte così ottenuto può essere conservato in frigo per 3/4 giorni, agitandolo nella bottiglia prima dell’uso.

Consigli: Con la polpa delle mandorle rimasta si possono preparare dei biscotti o dei dolcetti.
Perchè le mandorle sprigionino più aroma si potrebbe provare a tostarle per un minuto, ma attenzione a non bruciarle

Molte mie Ricette sono state pubblicate anche nel Sito Ricette Blogger Riunite

 

Lascia un commento