Grano cotto dei morti

Siamo una famiglia legata alle tradizioni e in questi giorni non può mancare sulla nostra tavola il grano cotto dei morti. Non fatevi suggestionare dal nome cupo, è un dolce della tradizione pugliese, che si prepara nel giorno della commemorazione dei defunti e che ha comunque un significato positivo, di buon auspicio. Un dolce composto da due ingredienti di cui la Puglia è ricca: grano e melagrana, e che da sempre sono legati al concetto di fertilità e abbondanza.

 
grano cotto
grano cotto


Ingredienti:
500 gr. di grano tenero (bianchetta)
1 melagrana
noci sgusciate
100 gr cioccolato fondente a pezzi
100 gr di cedro candito
Vino cotto q.b.
Lavare il grano e disporlo in una pentola con abbondante acqua fredda fino a coprirlo. Portare ad ebollizione e dopo una decina di minuti togliere dal fuoco lasciando il grano nella sua acqua di cottura per diverse ore, anche 6 o 7 ore.
(C’è anche un altro metodo che prevede di lasciare il grano in ammollo per una notte intera, lavarlo il giorno dopo e cuocerlo per un’ora dopo l’ebollizione)
Scolare il grano quando si è raffreddato.
Sgranare la melagrana.
In una ciotola capiente unire tutti gli ingredienti: grano, i chicchi della melagrana, il cioccolato tagliato a pezzetti, le noci tritate, il cedro candito e mescolare.
Servire in bicchieri o coppette bagnando con del vino cotto.Consiglio di bagnare con il vino cotto soltanto al momento di servirlo perchè se condito molto tempo prima indurisce e secca.

 

Lascia un commento