Gnocchi di patate

Gli gnocchi di patate sono una preparazione tipica della cucina italiana, prepararli in casa potrebbe sembrare complicato, ma per ottenere un buon risultato basta tenere presenti alcuni accorgimenti che vi spiegherò qui di seguito.

Prima di tutto per ottenere degli gnocchi di patate perfetti bisogna scegliere le patate giuste, vanno benissimo le patate vecchie perchè sono meno acquose. Per le dosi la regola generale è che la farina non superi il 30% del peso delle patate, cioè per un chilo di patate 300 gr di farina ma è necessario lasciare asciugare un po’ le patate prima di mescolarle alla farina e imparare a capire quanta farina aggiungere per ottenere un impasto morbido ma non appiccicoso, ad esempio una patata più acquosa richiederà più farina ecco perchè  le dosi consigliate sono sempre indicative. Nella ricetta originale degli gnocchi di patate non va messo l’uovo, ma siccome non tutti siamo chef a volte utilizzo un tuorlo, per legare meglio l’impasto senza aggiungere altra farina.
Un altro aspetto da non trascurare è la cottura, gli gnocchi vanno tirati via dall’acqua con un mestolo forato appena salgono a galla, necessitano di pochissimi minuti di cottura.
Allora? Vediamo cosa ci occorre
gnocchi di patate fatti in casa

 

Ingredienti per 4 porzioni abbondanti 

800 gr di patate circa
250 gr di farina circa
1 tuorlo
sale
Lessare le patate con la buccia in abbondante acqua salata.
Verificare la cottura con la forchetta.
Quando le patate saranno cotte, pelarle mentre sono ancora calde e passarle nello schiacciapatate direttamente sulla spianatoia, unire 3/4 della farina e aggiungervi il tuorlo uovo e il sale ed incorporare man mano con le mani, velocemente prima che l’impasto diventi appiccicoso.
Di farina ce ne potrebbe volere anche meno, ecco perchè va incorporata un po’ alla volta. Quando l’impasto risulta non appiccicoso ma ancora morbido è pronto.
Dividere in pezzi, ricavare dei cilindri e tagliare a pezzetti di un paio di centimetri, passarli sul riga gnocchi e lasciare ad asciugare su una spianatoia infarinati e coperti da un canovaccio.
Cuocere entro un’ora per non seccarli troppo. Immergerli in abbondante acqua bollente (poche porzioni alla volta), prelevarli con un mestolo forato appena salgono a galla e immergere in acqua gli altri gnocchi.
Per congelarli disporli su un vassoio infarinato in freezer, dopo la cottura. Successivamente si possono passare in sacchetti per congelatore. A l momento del consumo gli gnocchi congelati vanno tuffati in acqua bollente per 2/3 minuti e poi conditi.
 

3 pensieri riguardo “Gnocchi di patate

Lascia un commento