Carciofi ripieni

Siamo nel pieno della stagione dei carciofi e voglio proporvi la ricetta dei carciofi ripieni.

Il carciofo è un ortaggio che, oltre ad essere molto versatile in cucina e prestarsi per tante preparazioni, ha anche tante proprietà benefiche: digestive e diuretiche, disintossicanti, protegge il fegato e stimola la secrezione della bile è ricco di proprietà antitumorali e antiossidanti, quindi è un ottimo anti-età.

I carciofi ripieni sono un classico della cucina italiana, con tante varianti in base alla zona in cui vengono preparati.

carciofi ripieni

Per questa ricetta è meglio procurarsi il carciofo romanesco che è tondo e più grande.

Ingredienti:
6 carciofi grandi
mollica di pane casereccio
1 cucchiaio di parmigiano
1 spicchio d’aglio
prezzemolo
sale
pepe
olio evo
2 bicchieri d’acqua
 
 
 
 
 
Iniziare pulendo i carciofi.
Eliminare le foglie esterne più dure, tagliare la parte superiore del gambo lasciandone una parte attaccata al carciofo. Allargare le foglie dei carciofi con le mani cercando di aprirli senza romperli, eliminare la barbetta interna, e immergere i carciofi in una scodella con acqua e limone per evitare che i carciofi diventino neri.
Preparare il ripieno: se è molto secca ammorbidire la mollica di pane con poca acqua e strizzarla bene.
Tritare l’aglio e il prezzemolo, aggiungerli alla mollica di pane, continuare con un filo d’olio, il parmigiano e un pizzico di sale. Riempire i carciofi con la mollica condita, allargare i carciofi con le mani per far penetrare il condimento all’interno.
Disporre i carciofi in un tegame con la parte ripiena rivolta verso l’alto, regolare di sale e ultimare con un filo di olio in superficie. Aggiungere un po’ di acqua (l’acqua non deve coprire i carciofi ma arrivare a metà più o meno), far cuocere dai venti minuti a mezz’ora coperti con coperchio, controllando la cottura.

Servirli in tavola tiepidi e insaporiti dal loro sughetto cremoso che si sarà formato in cottura.

Molte mie Ricette sono state pubblicate anche nel Sito Ricette Blogger Riunite

 

Lascia un commento